icon-brochure

SALOTTO DEI GUSTI E DEI PROFUMI: wonderful alba bra langhe roero. Il Pan ëd Langa incontra la Salsiccia di Bra

Ore 10:00
Piazza Risorgimento
OFFICIAL SPARKLING WINE

ALTA LANGA DOCG

Leggi il PDF
Condividi la pagina su Facebook Condividi la pagina su Twitter

Il “Pan ed Langa” (Pane di Langa) è frutto di una piccola filiera locale del grano, nata sulle colline di Langa grazie alla collaborazione tra Renzo Sobrino, titolare del Mulino Sobrino a La Morra (CN) e un gruppo di panificatori di Alba e dintorni che oggi formano il Consorzio di Tutela “Pan ed Langa”, presieduto dal Enrico Giacosa, maestro panettiere di Alba (CN). Grazie a un accordo, Renzo Sobrino è riuscito a produrre per i panettieri associati al Consorzio farine particolari, ottenute da grani antichi, molto diffusi in Langa fino al dopoguerra, come il “Gambo di ferro”, il “Rosso gentile”, il “Verna” e il “Frassineto”. Un tempo considerati migliorativi per i grani di pianura e oggi quasi scomparsi, hanno ritrovato un posto dove crescere in alta collina. Ripiantarli ha voluto dire riconquistare un’eredità che rischiava di perdersi, riportare la coltivazione dei cereali in terreni ormai abbandonati, ritrovare sapori e profumi dimenticati nel pane quotidiano. Questa alleanza dal campo alla tavola, dove ogni passaggio è perfettamente conosciuto, ha consentito ai panificatori di sperimentare e poi confezionare un pane caratteristico di pasta semintegrale, a ridotto contenuto di glutine, ottenuto da una lunga lievitazione naturale. Confezionato in pagnotte allungate da 500 grammi, incise sulla superficie da una spiga stilizzata, si distingue per la sua digeribilità e per la possibilità di mantenersi fresco a lungo.  

La Salsiccia di Bra è un prodotto tradizionale della salumeria braidese. In Piemonte la produzione di salciccia - o salsiccia secondo la dizione popolare che si rifà al dialetto - è assai variegata a seconda delle tradizioni e delle abitudini alimentari locali. Una delle più pregiate e singolari è quella di Bra, preparata con carni magre di bovino e pancetta di suino. Un tempo veniva preparata solo con carne bovina, poichè nel vicino comune di Cherasco esisteva un importante comunità ebraica, che si approvvigionava presso il mercato braidese ed esigeva insaccati senza carne suina. Questa tradizione pare sia stata ufficializzata da un Regio Decreto, emanato a seguito dello Statuto Albertino, che autorizzava i macellai di Bra a utilizzare carne bovina nella preparazione della salciccia fresca, unico caso in Italia, proibendo all'epoca la produzione di salsiccce bovine in tutto il territorio. La Salsiccia di Bra (o "Salciccia di Bra") è stata inoltre riconosciuta nell'Atlante dei Prodotti Agroalimentari tradizionali del Piemonte (ai sensi dell'art. 8 del D lgs. 30 aprile 1998, n° 173 e D.M. n° 350 del 8 settembre 1999). Nella tradizione locale la Salsiccia di Bra vanta un posto particolare rispetto agli altri salumi: il prodotto non avendo bisogno di stagionatura viene consumato fresco e tutto l'anno. Il suo consumo era, ma lo è tuttora, molto diffuso nella cultura alimentare non solo provinciale ma anche regionale.

Salotto dei Gusti e dei Profumi
Piazza Risorgimento - Alba
Sabato 4 e domenica 5 novembre 2017
Apertura ore 10.00 – 18.00

Partner

Con il patrocinio di:
iscriviti alla newsletter