PALIO DEGLI ASINI

PALIO DEGLI ASINI

Acquista il tuo biglietto
Condividi la pagina su Facebook Condividi la pagina su Twitter

Sono vittorie e sconfitte ormai decennali, che si ricordano come fossero presente. Il Palio, che si tiene nella prima domenica d’ottobre, è un momento goliardico, ma anche una giornata di forte richiamo turistico. Oltre mille figuranti, tra cui nobili dame, cavalieri, armati, popolani e contadini, sfilano tra le vie del centro tra squilli di trombe e rulli di tamburi, tra stendardi e bandiere, prima di emozionarsi per l’atteso Palio. Il pretesto storico riprende un episodio del 10 agosto 1275, quanto i cavalieri di Asti corsero il Palio sotto le mura di Alba, cinta d’assedio, recando gravi offese agli Albesi; festeggiando San Lorenzo, sembravano, inoltre, volersi appropriare non soltanto della città, ma anche del suo santo patrono. La leggenda narra che, per ridicolizzare l’affronto, gli Albesi abbiano deciso, in quell’occasione, di correre anche loro un Palio, ma a dorso d’asino, beffando in tal modo i nemici di Asti, identificandoli con la cavalcatura poco nobile di questo animale. Dall’anno 1932, il Palio degli Asini divenne, quindi, un modo per ricordare gli eventi del 1275, nel massimo rispetto della tradizione medioevale, ma specialmente, nel rispetto degli animali.

Partner

Con il patrocinio di:
iscriviti alla newsletter