Domenica 4 novembre

Accademia Italiana del Tartufo

Come salvaguardare e far evolvere il “Patrimonio Tartufo”

Alle 15.00

Sala Beppe Fenoglio, ingresso Mercato Mondiale del Tartufo

Accademia Italiana del Tartufo

L’Accademia Italiana del Tartufo (AIT) nasce unicamente per la valorizzazione dei tartufi nazionali, freschi.

Poiché gran parte del mercato è invaso da surrogati che sono essenze di sintesi, il consumatore è purtroppo abituato ad un “tartufo sintetico“, il più delle volte irreale che non manifesta alcuna tipicità o legame con la cultura territoriale.
E come se il mercato del Chianti Classico o del Barolo fosse, parallelamente, accompagnato da vini con aromi e sapori similari ma ottenuti in laboratorio, per giunta consentiti dalla legge: in questi casi tutti potrebbero fare Chianti e Barolo dalla Lapponia al Magreb marocchino.
L’Accademia Italiana del tartufo è un’Istituzione Culturale con lo scopo di tutelare, salvaguardare e far evolvere il “Patrimonio Tartufo”, curandone la sua tracciabilità, la sua derivazione e relazionare sullo stato annuale del fungo e dei terreni.