10:00
Castello di Roddi
Sold out
Chef Enrico Marmo – Balzi Rossi

All’interno del Castello di Roddi, in una delle più belle scuole di cucina italiane, attraverso corsi teorico pratici, vi verranno insegnate le ricette della tradizione di Langhe, Monferrato e Roero e i grandi piatti icona di importanti chef in una location davvero particolare.

All’interno del Castello si trovano 7 postazioni in acciaio moderne e complete di tutti gli attrezzi da cucina.
I partecipanti sono sempre coinvolti in prima persona e avranno la possibilità di degustare ciò che si prepara, accompagnato da un calice di vino e da una lamellata di Tartufo bianco d’Alba. Sempre in omaggio il materiale didattico con la ricetta e il grembiule esclusivo firmato Frette.

A ogni partecipante verrà omaggiato:

  • il grembiule da cucina Frette logato Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba
  • la ricetta realizzata con lo chef
  • il manuale “Tutto sul Tartufo Bianco d’Alba”

Le postazioni sono 7 utilizzabili individuali o doppie.
Il corso è a numero chiuso e prevede una presenza massima di 14 persone.
Le postazioni sono complete di tutte le dotazioni necessarie per lo svolgimento teorico e pratico delle lezioni.


LO CHEF

Nato a Canelli (AT) nel 1987, Enrico Marmo è l’executive chef del ristorante Balzi Rossi. Cresciuto con la volontà di diventare cuoco, riesce a seguire i propri sogni solo dopo le scuole superiori, quando inizia a lavorare in ristoranti e trattorie del Monferrato, per un periodo di tre anni in cui implementa le proprie basi di cucina tradizionale, consolidate anche grazie a un corso intensivo seguito all’Istituto Alberghiero di Agliano. Quindi, arriva lo stimolo e il momento di fare un salto in avanti, che compie grazie al corso di cucina seguito nel 2009/10 all’ALMA di Colorno (PR), uno degli istituti nazionali di riferimento per gli allievi che vogliono formarsi nel mondo della gastronomia. Uno stage al ristorante 1 Stella Michelin Gellius Oderzo, dove in cucina c’è lo chef Alessandro Breda, lo divide dai 12 mesi agli ordini di Matteo Baronetto nel Ristorante Cracco 2 Stelle Michelin, esperienza che riesce a guadagnare grazie al piazzamento in seconda posizione su sessanta nel corso ALMA. Nella meta gastronomica milanese veste per quattro mesi i panni del commis in pasticceria, prima di indossare quelli di capo partita agli antipasti. Enrico è una persona materica, che ama stare a contatto con gli ingredienti e con le cotture alla fiamma, motivo per il quale si propone da Davide Palluda, chef del ristorante All’Enoteca di Canale, 1 Stella Michelin nel cuneese. È il 2011 e qui inizia affiancando il sous chef che, dopo sei mesi, si troverà a sostituire per cinque anni, fino a marzo 2016. A gennaio 2019 lascia il ristorante per approdare su nuovi lidi, prima come executive chef nel ristorante gastronomico del resort 5 stelle Castel Monastero a Castelnuovo Berardenga in provincia di Siena, per un anno, e poi all’Osteria Arborina, dopo la dipartita di Andrea Ribaldone, in qualità di executive chef del ristorante gastronomico 1 Stella Michelin e del Bistrot.  A quel punto arriva la chiamata di un ristorante, che gli propone un ritorno in grande stile. È il ristorante Balzi Rossi e, al telefono, la voce è quella della figlia della cuoca che ha inaugurato il locale nel 1982: Giuseppina Beglia, memoria storica e custode del luogo. Enrico decide di accettare, come executive chef, la chiamata della meta gastronomica che ora è diretta da una nuova proprietà, e che adesso si appresta a festeggiare il 40° compleanno, con una riapertura che arriva dopo due anni di stop.

Balzi Rossi, Ventimiglia

Già * Stella Michelin

 

 

location
Castello di Roddi

Via Carlo Alberto, 2
12060 Roddi CN

Castello di Roddi

Nella splendida cornice del Castello di Roddi viene proposta la “Cucina della Comunità”: un luogo simbolico che accoglie chef, materie prime d’eccellenza e produttori. La pertinenza del Castello di Roddi diventa una sede attraverso cui il territorio delle Langhe, il Monferrato ed il Roero dialogano con il mondo, offrendo un’esperienza di contaminazione tra storia, cultura, arte, enogastronomia. Nella “Cucina della Comunità” verranno proposti corsi di cucina condotti da chef nazionali ed internazionali ed organizzate cene con chef stellati che coinvolgeranno produttori di eccellenti materie prime cucinate e raccontate dai protagonisti.

Evento in collaborazione con: