15 ottobre - 30 novembre 2020

DELL’ECCELLENTE MANO DEL SIGNOR RAPOSO

Un Sant’Antonio fresco di restauro e altre 15 tele montatesi del pittore di corte Vittorio Amedeo Rapous

giov. e ven. dalle 15 alle 19; sab. e dom. dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19

Confraternita di San Michele a Montà d’Alba

DELL’ECCELLENTE MANO DEL SIGNOR RAPOSO

Prende il via il 15 ottobre, per rimanere aperta fino alla fine di novembre nella Confraternita di San Michele di Montà d’Alba, la Mostra “DELL’ECCELLENTE MANO DEL SIGNOR RAPOSO”, esposizione che vuole restituire il ventennale rapporto con Montà (1774 – 1795) di Vittorio Amedeo Rapous, pittore di figura al servizio regio e artista tra i maggiori del Settecento piemontese. Accademico ed erede della tradizione espressiva di Claudio Francesco Beaumont, di cui fu allievo presso la scuola di disegno a Torino, a partire dagli anni ’70 il Rapous da referente dello stile rocaille evolve verso il neoclassicismo. Le 16 grandi tele in mostra documentano questo percorso artistico.

Promossa dal Comune di Montà, Parrocchia di Sant’Antonio abate e Associazione Montata Fangi, l’iniziativa nasce con l’intento di riconsegnare e far conoscere la significativa dotazione di opere di mano di quest’artista di corte, singolarmente presente nella Vecchia Parrocchiale (storica chiesa montatese, situata nei pressi del Castello dei Morra Lavriano) e, insieme, come sperimentazione di un approccio “ecomuseale” al patrimonio artistico, ovvero incentrato sulla comunità che lo ospita, affinché se ne riappropri, lo conosca e senta suo, faccia parte dei suoi saperi, diffusi e condivisi. Ne abbia dunque cura e lo valorizzi.

Il progetto, sotto la direzione scientifica di Liliana Rey Varela della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Alessandria, Asti e Cuneo, ha potuto contare sulla collaborazione della Fondazione Ferrero e del MUD Museo Diocesano di Alba. Coordinata nell’organizzazione dall’Ecomuseo delle Rocche del Roero, la Mostra è patrocinata da Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, Ente Fiera Internazionale Tartufo Bianco d’Alba e dall’Associazione Valorizzazione Roero. La realizzazione è dovuta al sostegno della Banca d’Alba e della Fondazione CRT e ai contributi di Iride, Alma by Giorio, Simplast Group, Cauda Strade, Bruno Cauda e Gianluca Costa.

L’allestimento, ideato dallo STUDIOCANTONO+VALSANIA, si avvale dei video di Alessandro Cocito (Legovideo, Torino) e prevede l’esposizione nella centrale Confraternita di San Michele delle 16 tele realizzate dal Rapous, tra il 1774 e il 1795, custodite nella Vecchia Parrocchiale.

Protagonista della Mostra è l’ovale di Sant’Antonio abate, che viene presentato a conclusione del restauro curato dalla Nicola-Ilengo Restauri di Asti, ma costituiscono una novità pressoché assoluta anche le 14 tele della grande Via Crucis, non più visibili dal 2003, quando tre di esse figurarono nella Mostra Tesori del Marchesato Paleologo promossa dalla Fondazione Ferrero di Alba. Completa il percorso espositivo, la pala di San Luigi Gonzaga e della Madonna del Buon Consiglio, ancora in attesa di restauro.

Hanno collaborato negli allestimenti le ditte Linea Legno e Casetta Impianti di Montà.

 

“DELL’ECCELLENTE MANO DEL SIGNOR RAPOSO”

Confraternita di San Michele – Piazza San Michele – Montà d’Alba (CN)

15 ottobre ~ 30 novembre 2020

Orari di apertura: giovedì e venerdì, dalle 15 alle 19;

sabato e domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19

Ingresso gratuito

Per informazioni: tel. 0173 976181 – www.comune.monta.cn.it/raposo/ www.ecomuseodellerocche.it

Facebook:
www.facebook.com/inmontaroero
www.facebook.com/EcomuseoRocche