Il guanto di Patricia Urquiola

“Trace. Un guanto per il Tartufo Bianco d’Alba”

E’ stato disegnato appositamente da Patricia Urquiola e si sviluppa a partire da una collaborazione tra l’Ente Fiera e Alessi dalla quale ha preso avvio il progetto de Truffle che ha coinvolto tra il 2016 e il 2017 quindici designer internazionali per l’ideazione di una linea di oggetti dedicati al Tartufo Bianco d’Alba e che ha portato alla produzione dell’affettartufi Alba progettato da Ben van Berkel.

Con “Trace” continua la ricerca di Urquiola per de Truffle Kit. Anche questo nuovo oggetto è esito della sua profonda filosofia concettuale e della sensibilità creativa della designer: i suoi progetti si sviluppano a partire da un sottile metodo analogico, ovvero le idee vengono generate dalle sollecitazioni che riceve dalla vita quotidiana, dai viaggi, dall’arte, dai libri che suscitano nei fruitori associazioni libere ed evocative.

Su un fondo blu – che rimanda mistero ancestrale della notte dove sotto la luna avviene la “cerca” del tartufo – emerge, in rosa, la mappa intricata della sua sezione. Il disegno dell’interno del tartufo riveste interamente la superficie del guanto dimostrando ancora una volta quanto sia importante nel processo creativo di Patricia Urquiola la profonda attenzione per la pelle degli oggetti, per l’aspetto tattile e visivo; quasi si potrebbe affermare che l’Urquiola “pensa con le mani”. Una sensibilità per i materiali che si è affinata nel corso del tempo, a partire dagli insegnamenti dei suoi maestri – Achille Castiglioni con cui si è laureata al Politecnico di Milano e Vico Magistretti con cui ha lavorato all’ufficio progetti di Maddalena De Padova – e che si manifesta oggi con una progettazione trasversale che comprende oggetti, architetture e allestimenti.